Miti e leggende

Miti e leggende del Kirghizistan

Lago dalle lacrime della ragazza

Molto tempo fa c’era un deserto al posto del lago Issyk Kol e lì c’era

un castello bianco. In questo castello viveva una bella ragazza Peri. Una volta dopo una caccia, un ragazzo a cavallo attraversò questo deserto. Attratto dalla bellezza di Peri, le si avvicinò. Si innamorò immediatamente di lui. Quando si separò, le disse: “Se vuoi ancora stare con me, aspettami quaranta giorni e notti senza dormire”.

Trascorsero trentanove giorni e notti e durante la quaranta notte si addormentò. In quel momento entrò un ragazzo e lei si svegliò. “Non potevi aspettarmi” disse il cacciatore alla sua amata. “Non tornerò mai più. Arrivederci!” Disse prima di lasciarla.

La ragazza piangeva molto, piangeva giorno e notte costantemente. E finalmente per questo si è formato un lago. Era puro come l’amore di una ragazza e salato come le sue lacrime. Peri, pietrificata, si trova ancora sotto la montagna di Tashtar-Ata.

 

 

La leggenda della torre di Burana

Un giorno, Khan Baytyk decise di conquistare Tokmok. Non lontano dalla città, nelle gole, lasciò sua figlia con i valletti e partì con l’esercito in città. Il khan uccise brutalmente gli abitanti: non aveva pietà, né anziani, né donne, né bambini. Ordinò che tutti devono essere uccisi. E solo una donna anziana è riuscita a scappare.Venne dal Khan e disse: “Hai ucciso tutti, hai ucciso i miei figli. Ma ricorda: la tua unica figlia, che ami moltissimo, morirà per un morso di ragno. ”

Il khan

arrabbiato diede l’ordine di eseguire la vecchia e di costruire immediatamente la torre per sua figlia. In questa torre mise sua figlia con due cameriere, che le portarono da mangiare.

Una volta il piatto d’uva veniva servito alla figlia del Khan. E nessuno ha notato un ragno nascosto nel frutto. La ragazza prese l’uva e dopo un inaspettato morso dell’insetto morì rapidamente. Da questi eventi, c’è una torre vuota vicino a Tokmok.